Scommesse su Eventi Simulati, la Legislazione Italiana

Immagine da SkyBet su virtual horse race

Scommesse su cavalli virtuali

E’ solo questione di tempo: entro l’autunno, anche in Italia si potrà scommettere su eventi simulati online, conosciuti nel mondo anglosassone come “virtual races”. La scommessa su evento simulato è un servizio diffuso all’estero già da anni, ma che la regolamentazione italiana non ha consentito fino ad ora. Sarà una grande novità per gli appassionati del gioco, come già commentavamo in un precedente post.

A mettere una pezza alla legislazione è stata l’Area Monopoli di Stato (AAMS), l’autorità che regola tutto il comparto del gioco pubblico in Italia. Il suo compito è monitorare gli operatori e prendere misure contro il gioco praticato illegalmente al fine di tutelare i consumatori (in particolare minorenni e persone mentalmente deboli).

Preso atto della diffusione di scommesse illegali su eventi simulati , l’AAMS ha deciso di “avviare, in via sperimentale, le scommesse a quota fissa su eventi simulati”, emanando un provvedimento nel quale sono definiti “i requisiti minimi, le caratteristiche tecniche e le modalità di funzionamento delle piattaforme di gioco virtuale per le scommesse a quota fissa su simulazioni di eventi”, …. In questo documento sono anche definite le modalità di sperimentazione e collaudo delle piattaforme.

La fase di sperimentazione durerà almeno un anno, e potrebbe essere estesa se l’autorità ritenesse di non avere sufficienti elementi in mano. Ogni piattaforma per le scommesse virtuali verrà collaudata perché garantisca il rispetto delle specifiche tecniche contenute nel decreto. Per effettuare il servizio di raccolta di scommesse su eventi simulati, bisogna essere concessionari abilitati alla raccolta di scommesse ippiche e sportive.

Qui sotto potete scaricare il Decreto, per chi fosse interessato a vedere i dettagli.

PDF: Decreto sui Giochi Simulati – Virtual Racing Law


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>