Aprono i Virtual Games anche in Italia

virtual races dogs

virtual races dogs

Gli scommettitori italiani possono essere sempre più soddisfatti del lavoro fatto dallo Stato italiano per regolamentare il settore dei “virtual games”

Le scommesse virtuali generate dai computer riguarderanno partite di calcio o corse fra macchine, slitte, cani; sarà possibile giocare dalle 8 di mattina fino a mezzanotte, con una frequenza media di circa cinque minuti tra ogni evento. Dal 4 dicembre 2013 è possibile farlo anche in Italia. Secondo quanto previsto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli le scommesse virtuali saranno offerte ai giocatori via internet, al banco delle agenzie e dei corner sportivi e ippici e anche attraverso terminali self service installati nei luoghi di gioco.

Per giocare sarà necessario puntare almeno un euro, con vincita massima a 10 mila euro, vincite fino al 90% delle giocate e tasse sul 20% della raccolta al netto delle vincite. Nella prossima fase (ancora pilotata dall’AAMS) solo un gruppo ristretto di agenzie (circa una decina) forniranno questo servizio di “virtual races”. Si attende l’ingresso nel mercato di Sisal, non appena – il prossimo anno – si entrerà a pieno regime. Si tratta di un mercato potenziale dal alore di un miliardo di euro di incassi all’anno, stando agli studi del leader mondiale Inspired, second il quale gli incassi ammonteranno a circa il 25% del turnover complessivo delle scommesse sportive (che ammonta ogni anno a circa 4 miliardi di euro). Ne siamo certi, i virtual games saranno un successo anche in Italia!

 

 


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>